Come Scegliere La Risoluzione Dello Schermo Più Adatta

Scegliere La Risoluzione Dello Schermo Più Adatta

La risoluzione dello schermo è una componente essenziale per fotografi, pittori e designer. Il monitor è uno degli strumenti più importanti quando si lavora su opere digitali, poiché mostra sia ciò che accade mentre si lavora sia il prodotto finito.

È fondamentale conoscere la propria risoluzione del monitor e avere ben chiaro quale risoluzione scegliere quando si aggiorna lo schermo del Pc, perché questo può influire in modo significativo sulla visualizzazione del lavoro e sulla comodità con cui si può lavorare senza stancare gli occhi.

Se la risoluzione dello schermo è troppo alta, le icone e il testo possono apparire troppo piccoli e l’hardware può essere stressato fino al limite nel tentativo di raggiungere risoluzioni elevate. Se invece la risoluzione dello schermo è troppo bassa, può proiettare immagini di scarsa qualità che occupano una quantità eccessiva di spazio sullo schermo e influiscono negativamente sulla qualità del lavoro.

Questo articolo ha come obiettivo quello di spiegare come verificare la risoluzione del monitor attuale, perché la risoluzione dello schermo è fondamentale per i progettisti e come può influire sui risultati. Inoltre, Si parlerà anche di come scegliere la risoluzione dello schermo più adatta per le proprie esigenze lavorative.

Che cos’è la risoluzione dello schermo?

Cosa si intende esattamente quando si parla di risoluzione dello schermo? Il monitor collegato al computer o integrato nel portatile utilizza i pixel, che sono essenzialmente piccoli quadrati di luce che cambiano colore, per visualizzare le immagini. Migliaia di pixel costituiscono gli schermi dei computer. Gli schermi possono visualizzare immagini, foto, testo e vari tipi di grafica alterando i colori dei pixel secondo schemi specifici.

La quantità di pixel che uno schermo può visualizzare sia in orizzontale che in verticale è l’unità di misura utilizzata quando si parla di risoluzione dello schermo. Uno schermo con una risoluzione di 1920 x 1080 può visualizzare 1080 pixel in verticale e 1920 pixel in orizzontale.

La qualità visiva è tanto più chiara e dettagliata quanto maggiore è il numero di pixel che uno schermo può visualizzare. Ma quando si parla di qualità dell’immagine, la capacità di visualizzazione dei pixel di uno schermo non è l’unico fattore da prendere in considerazione. C’è anche la densità di pixel. Sia le dimensioni che le risoluzioni dei monitor variano notevolmente. La stessa quantità di pixel si trova spesso su schermi di dimensioni diverse, come ad esempio un monitor da 24 pollici e uno da 32 pollici con la stessa risoluzione di 1920 x 1080. Grazie alla maggiore densità di pixel, la qualità visiva del monitor più piccolo appare spesso più nitida e vibrante. Per misurare questo dato si utilizza il PPI (Pixel Per Inch). Su ogni pollice dello schermo più piccolo si inserisce un numero maggiore di pixel rispetto a quello dello schermo più grande.

Sebbene si possa essere tentati di acquistare lo schermo più grande disponibile, se si cerca la massima qualità dell’immagine, è meglio scegliere un monitor più piccolo con una risoluzione più alta piuttosto che uno più grande con una risoluzione più bassa. Maggiore è il PPI, migliore è la qualità dell’immagine.

Le risoluzioni dello schermo più comuni

A differenza di qualche anno fa oggi abbiamo una vastissima scelta per quanto concerne le risoluzioni dello schermo, ognuna di queste opzioni potrebbe andare bene per certi usi piuttosto che altri. Di seguito trovi la tabella delle risoluzioni dello schermo più popolari:

Fonte: Wikipedia

Quali sono i fattori da tenere in considerazione nella scelta della risoluzione dello schermo?

Ci sono diversi fattori da tenere in considerazione per scegliere la risoluzione dello schermo più adatta alle tue esigenze, tra questi troviamo: La compatibilità con la GPU, Le dimensioni del monitor, l’autonomia (in caso di computer portatile), l’utilizzo del monitor e del pc.

Compatibilità con la GPU

La GPU determina la risoluzione massima del pannello dello schermo. Se non hai intenzione di aggiornare questo componente, prima di acquistare un monitor decidi la risoluzione massima che la tua scheda grafica può supportare. Ci sono diversi modi per farlo:

– Esamina le specifiche del produttore sul suo sito web. Se conosci il modello, inseriscilo nel sito ufficiale per conoscere i valori massimi che è in grado di supportare.

– Con la configurazione di Windows. In genere, il sistema consente di selezionare la risoluzione più alta disponibile sul dispositivo in base alle capacità della GPU.

– Utilizzando un’applicazione di diagnostica hardware.

Autonomia (in caso di computer portatile)

Bisogna prestare molta attenzione all’autonomia delle proprie apparecchiature portatili. Le risoluzioni estremamente elevate utilizzano molte più risorse e riducono la durata complessiva della batteria del computer portatile. Quindi, se cerchi uno schermo affidabile per le attività d’ufficio che faccia durare la batteria del tuo pc tutto il giorno, un display Full HD è la scelta migliore. Attualmente è una delle risoluzioni dello schermo con il miglior equilibrio tra qualità visiva e autonomia.

Dimensioni del monitor

Le dimensioni del monitor e la risoluzione dello schermo sono due fattori strettamente correlati. Entrambi i numeri hanno un impatto considerevole sulla densità dei pixel. Questo inoltre ha anche un impatto sulla chiarezza ottica e sulla comparsa di effetti indesiderati.

Utilizzo del monitor e del pc

Per decidere la risoluzione migliore è importante stabilire l’uso che si fa del PC. Se si desidera utilizzare il computer per attività d’ufficio e di navigazione, un monitor Full HD con schermo da 24 pollici sarà di solito più che sufficiente. Per quanto riguarda i dispositivi portatili, quelli da 14 o 15 pollici con risoluzione Full HD sono molto efficaci.

Quale risoluzione dello schermo dovresti utilizzare?

Quale risoluzione dello schermo scegliere? La risposta a questa domanda varia a seconda del tipo di lavoro che si intende svolgere e del tipo di macchina su cui si lavora.

Cominciamo con la natura del lavoro. La risoluzione minima consigliata per i grafici e i modellatori 3D è di 1360 x 768. Tuttavia, consigliamo di utilizzare 1920 x 1080 se possibile. Lo spazio di lavoro sarà più ampio grazie alla risoluzione aggiuntiva, che si tradurrà anche in immagini di qualità superiore.

Per chi lavora con modelli 3D complicati, come architetti, animatori o sviluppatori di giochi, superare la risoluzione di 1920 x 1080 potrebbe comportare un notevole carico sulla GPU del computer. Se desideri effettuare il rendering a una risoluzione superiore, verifica che l’hardware sia in grado di supportarla. In caso contrario, potresti portare il tuo PC a funzionare in modo estremamente lento.

Per gli editor di video si consiglia vivamente una risoluzione minima di 1920 x 1080. Questo perché se si lavora con video a 1080p, è necessario uno schermo in grado di visualizzarli in modo nativo. 1080p è lo standard industriale per la risoluzione video ad alta definizione. La scelta di una risoluzione dello schermo di 3840 x 2160 consente di riprodurre contenuti 4K in modo nativo se si lavora con video 4K.

Si consiglia ai fotografi di utilizzare la massima risoluzione possibile. Poiché la maggior parte delle foto viene scattata a risoluzioni ben superiori a 1080p, le immagini fisse non hanno bisogno di tanta potenza grafica per essere visualizzate su schermi ad alta risoluzione. Per esempio, una fotocamera che dichiara di produrre scatti da 21 megapixel sta in realtà scattando immagini a una risoluzione di 5.104 x 4.092. Anche un monitor 4K non sarà in grado di visualizzarla in modo nativo, ma le fotografie avranno un aspetto migliore (e più preciso) quanto più alta sarà la risoluzione dello schermo.